Liana Gourdjia

VIOLINO

Liana è stata introdotta al violino da sua nonna, violinista di un'orchestra "Mosfilm", all'età di quattro anni. Il suo primo debutto come solista con un'orchestra risale all'età di nove anni. All'età di sei anni, Liana è apparsa alla televisione di Mosca come una stella nascente e da allora ha eseguito concerti con orchestre e recital con sua madre, una pianista collaborativa al Conservatorio di Stato di Mosca, in molti luoghi prestigiosi in tutta la Russia, tra cui la Sala Grande e il Tchaikovsky Hall di Mosca e la Sala Filarmonica di San Pietroburgo.
Come vincitrice della prestigiosa fondazione New Names di Mosca e membro della fondazione Spivakov, si è esibita in Vaticano per Papa Giovanni Paolo II, ha pubblicato un CD con l'etichetta Melodia per le esibizioni ai Giochi Olimpici di Atlanta del 1996 ed è stata invitata come giovane talento al Festival Internazionale di Colmar. Liana Gourdjia è diventata vincitrice del Concorso Internazionale Tchaikovsky per giovani artisti a Sendai in Giappone all'età di quattordici anni e successivamente è apparsa numerose volte in programmi televisivi e radiofonici dedicati alla presentazione di giovani star in Russia e in Europa. Vincitrice del Concorso Internazionale Sion-Valais, Liana ha anche vinto premi ai Concorsi Internazionali Michael Hill, Corpus Christi Hudson Valley. Ha suonato da solista con le orchestre di Lille, SWR Sinfonieorchester Baden-Baden und Freiburg, Filarmonica di Mosca, Solisti di Zagabria, Filarmonica di Fort Wayne, Sinfonia nazionale lituana, Filarmonica di Hudson Valley, Ashville Symphony, City Music Cleveland, Cleveland Chamber, sotto la direzione di François-Xavier Roth, Andrew Grams, Daniel Hege, Paul Haas, James Gaffigan, Shlomo Mintz, Carl Topilow, Thomas Hinds, David Effron e Sergei Stadler. Come musicista da camera, Liana Gourdjia ha collaborato con artisti come Jaime Laredo, Lawrence Power, Vladimir Mendelssohn, Marc Coppey, David Soyer, Antonio Meneses, Giovanni Belucci, François-Frederic Guy, Alexander Melnikov, Peter Laul e membri di Talich, Vogler, Juilliard, Guarneri e Tokyo String Quartets tra molti altri musicisti. Liana si è esibita in festival tra cui il Printemps des Arts a Monte Carlo, Musique de Chambre de Lyon, il 92/Y a New York, Les Musicales de Compesieres a Ginevra, Les Musicales de Colmar, ed è vincitrice del festival Juventus in Francia. Ha ricevuto una borsa di studio di tre anni al festival The Marlboro Music, dove ha avuto la possibilità di collaborare con Mitsuko Uchida, Leon Fleisher, Kim Kashkashian. Sostenitrice della musica contemporanea, ha spesso presentato in anteprima opere da lei commissionate a compositori di spicco e emergenti. È membro dell'Ensemble Variances con sede a Parigi sotto la direzione di Thierry Pécou e ha lavorato come primo violino del New Music Ensemble all'Università dell'Indiana sotto la direzione di David Dzubay.
Liana ha iniziato i suoi studi presso la famosa Scuola Centrale di Musica del Conservatorio Statale di Mosca con i famosi professori Iryna Bochkova e Maya Glezarova. Dopo la laurea, si è trasferita negli Stati Uniti per continuare i suoi studi con David e Linda Cerone al Cleveland Institute of Music, dove ha conseguito il Bachelor e il Master of Music. Liana ha ricevuto un Diploma di Artista dalla Jacob's School of Music dell'Indiana University, Bloomington, studiando con Jaime Laredo. All'Università dell'Indiana è stata la prima destinataria della prestigiosa borsa di studio Jacob.
Appassionata lettrice, parla fluentemente russo, francese, spagnolo e inglese. Liana vive a San Sebastián dove è professore al Musikene Centro Supérieur de Pais Vasco ed è primo violino ospite con l'Euskadiko Orkestra. Continua a servire nella facoltà dell'Ecole Normale de Musique d'Alfred Cortot a Parigi. Le pubblicazioni su CD di Liana includono concerto per violino di Stravinsky e opere per violino e pianoforte con la Deutsche Radio Philharmoniker di Saarbrucken e la pianista Katia Skanavi per l'etichetta Audite e Complete Sonatas di Charles Ives per violino e pianoforte con il pianista Matan Porat per loyabel Printemps des arts a Monte Carlo.

Foto © Opus 110 -Neda Navaee