Jing Zhao

VIOLONCELLO

Per la sua innata musicalità e virtuosismo, Jing Zhao è considerata una degli artisti più promettenti in carriera a livello internazionale. Principale violoncellista cinese della sua generazione, Jing Zhao ha vinto il primo premio del prestigioso concorso internazionale della Federazione delle Radiotelevisioni Tedesche nel 2005 e ha successivamente ricevuto il premio “Exxon Mobil Music” 2009 in Giappone.
Il grande Seiji Ozawa, grazie al quale Jing Zhao si è trasferita a Berlino, dove ha studiato all’Accademia “Karajan”, nonché, privatamente, con Yo-Yo Ma e il Maestro Rostropovič, l’ha scelta come solista, insieme al violinista Vadim Repin, al pianista Lang Lang e al soprano Kathleen Battle per il concerto di apertura del Centro Nazionale per le Arti dello Spettacolo in Cina. Riconoscendo il suo eccezionale talento, il Maestro Rostropovic le ha permesso di entrare nella classe dell’insigne professor David Geringas all’Accademia di Musica “Hanns Eisler” di Berlino.
Jing Zhao si è esibita con noti direttori d’orchestra come Seiji Ozawa, Lorin Mazel, Ricardo Muti, Andris Nelsons, Myung-whun Chung, Muhai Chang, Michael Pletnëv, Jurij Bašmet, Kenichiro Kobayashi, Jean Fournet ed Eliahu Inbal. Si è esibita con orchestre quali l’Orchestra Sinfonica del Servizio Pubblico Radiotelevisivo del Giappone, la Nuova Filarmonica del Giappone, la Sinfonica di Pechino, l’Orchestra Sinfonica della Radio Bavarese, l’Orchestra da Camera di Monaco di Baviera, l’Orchestra Sinfonica di Berlino, la Filarmonica di Hong Kong, la Filarmonica del Servizio Pubblico Radiotelevisivo della Corea del Sud a Seoul, l’Orchestra Sinfonica della Radio della Germania del Nord, la Filarmonica della Scala, la Sinfonica di Sydney e la Sinfonica di Singapore. Durante il periodo trascorso a Berlino, Jing Zhao si è significativamente affermata come esecutrice di musica da camera, collaborando con artisti come Emmanuel Pahud, Guy Braustein, Daishin Kashimoto, Paul Meyer, Boris Berezovskij, Éric Le Sage, Antoine Tamestit, Konstantin Lifschitz e Trevor Pinnock. Ha preso parte a una tournée in Asia con Myung-whun Chung, nel corso della quale sono stati invitati ad esibirsi insieme al cospetto di Sua Altezza Reale il Principe della Corona Naruhito del Giappone.
Recentemente è stata invitata a esibirsi con Vadim Repin al Transiberian Festival di Lille e Novosibirsk. Nel dicembre 2019 si è nuovamente esibita con la Filarmonica di Shanghai diretta da Jaap Van Zweden, che le ha immediatamente chiesto di esibirsi con le sue due orchestre, la Filarmonica di New York e la Filarmonica di Hong Kong. La pianista Martha Argerich l’ha scelta per esibirsi al suo fianco e registrare con lei e Dora Schwarzberg il “Trio” di Čajkovskij durante il Festival a lei dedicato a Lugano, dove viene regolarmente invitata. Jing Zhao si esibisce regolarmente, inoltre, presso altri importanti festival, tra i quali quello di Gerusalemme, il Festival Internazionale di Zagabria, l’“Odessa Classics”, il “Roland’s Ecke” a Bonn WH, quello di Bad Kissingen, “Pietrasanta in Concerto”, il Festival “Argerich” di Beppu e le “Folles Journées”. È inoltre Professore Ospite presso il Conservatorio di Pechino e il College of Music di Tokyo.
Jing Zhao ha inciso 5 cd per la casa discografica “Victor” in Giappone. I suoi prossimi CD saranno un album dedicato alla musica russa, con il Concerto per Violoncello di Šostakovic, e un album dedicato alla musica cinese, con i due Concerti per Violoncello di Tan Dun e la direzione dello stesso Maestro Tan Dun, entrambi registrati con l’Orchestra Filarmonica Reale di Lon-dra, e verranno pubblicati nel 2020. Jing Zhao suona un violoncello di Matteo Goffriller del 1711, precedentemente appartenuto a Natalia Gutman.

Foto © Opus 110 -