Il Festival Elba, Isola Musicale d’Europa è stato fondato nel 1997 da George Edelman e Yuri Bashmet con l’intento di creare un appuntamento musicale di rilievo nel panorama dei festival internazionali di musica classica e jazz.

Per la 19° edizione del Festival si è voluto cercare un nuovo impulso per la manifestazione Elbana. Questa volta, ospite molto gradito sarà la Camerata Fontainebleau, un giovane ensemble internazionale – i membri del gruppo provengono da 8 diversi paesi del mondo – di grande valore artistico. Quello dell’Elba sarà un debutto internazionale per questa formazione, che fino ad ora si è esibita solo nel luogo in cui si è formata, l’ottocentesca fattoria La Loingtaine a Montigny-sur-Loing in Francia. In questa occasione si presenterà alternativamente come orchestra da camera accompagnando solisti affermati o suddivisa in gruppi cameristici.
Il Festival si apre con un’evento straordinario: l’integrale delle sonate e variazioni per violoncello e pianoforte di Beethoven interpretati da Mario Brunello e Andrea Lucchesini.
Debuttano al Festival la violinista moldava Alexandra Conunova, vincitrice del 3º Premio del Concorso Internazionale Čajkovskij che si è concluso all’inizio di luglio e l'immenso violinista serbo Gordan Nikolič, concertista di fama internazionale e il leader della Netherlands Chamber Orchestra.
La continuità con le precedenti edizioni è confermata dalla presenza di amici di lunga data, come i pianisti Evgenij Koroliov e Ksenia Bashmet, ma anche dall’ensemble Solisti di Mosca Chamber Players, che insieme al direttore musicale della manifestazione Yuri Bashmet, proporrà due concerti nella seconda parte del Festival.
Com’è ormai tradizione da alcuni anni a questa parte, la programmazione di musica classica verrà arricchita da due incursioni jazz, rappresentate dal percussionista americano di fama mondiale Ray Mantilla che porta sull'isola il suo progetto Latin Tinge e da una delle stelle del jazz italiano, Cristina Zavalloni, con il progetto Special Dish.
Un’altra tradizione che il Festival porta avanti, grazie all’importante sostegno dell’Associazione Amici del Festival, è l’assegnazione ad un giovane talento dell’Elba Festival Prize 2015, che viene individuato all’interno della rosa dei promettenti giovani talenti portati all’attenzione della direzione artistica negli ultimi mesi. Questo riconoscimento è emblematico dello spirito del festival, che mira a consolidare la crescita di giovani artisti, anche tramite il confronto con figure già affermate. La vincitrice di quest’anno è la giovane oboista francese Clarisse Moreau.
La maggior parte degli eventi si svolgerà all’interno del prezioso Teatro dei Vigilanti di Portoferraio, ma non mancherà il consueto appuntamento nella location mozzafiato della spiaggia dell’Hotel Hermitage, ed anche negli altri due luoghi speciali dell’isola: il gioiellino del Duomo di Rio nell’Elba e il Santuario della Madonna del Monte, che sarà raggiunto attraverso un trekking tra i boschi sopra Marciana.